Strumenti e misurazioni

Servizi

Strumenti e misurazioni

Strumenti

Una serie di strumenti che vengono utilizzati durante le visite in studio per permettere delle valutazioni specifiche.

La Bilancia

“Croce” per chi vede aumentare il peso, “delizia” per chi il peso lo vede scendere.

All’invito di salire sulla bilancia c’è sempre un po’ di titubanza e innesca un sistema di giustificazioni: “stamattina pesavo di meno”, “la mia bilancia pesa di più”, “non sono andata in bagno” ecc… Tutto vero. Ma non deve preoccupare.

La bilancia offre un numero che definisce il proprio peso, valore influenzato da innumerevoli variabili, che il solo numero che si legge non è in grado di spiegare.

Il peso, come tutti gli altri valori antropometrici, è una foto di quel momento, serve a capire una tendenza. Detto questo rimane uno strumento indispensabile in associazione ad altre misurazioni.

Termocamera

Telecamera per scansione termica, permette di vedere e misurare le differenze di temperatura. Un modo intelligente, sicuro e rapido per ottenere la temperatura della pelle.

Consente di valutare gli stadi della cellulite e lo stato di avanzamento.

Vedi “cellulite”

Il plicometro

E’ uno strumento medico manuale che consente la misurazione dello spessore delle pliche cutanee.

È quindi in grado, attraverso delle equazioni, di fornire una stima del grasso sottocutaneo.

Una sola delle componenti del grasso corporeo.

PPG stress flow

Il dispositivo PPG Stress Flow è uno strumento non invasivo che permette di analizzare in modo complessivo l’attività del sistema nervoso autonomo e la variabilità della frequenza cardiaca.

L’esame condotto dallo strumento ha una durata di pochi minuti e permette lo studio e il monitoraggio diretto di tutte le funzioni del sistema nervoso autonomo e dei relativi processi di biofeedback, oltre a favorire i processi di diagnosi differenziale dei disturbi e delle patologie a carattere infiammatorio cronico e correlati allo stress.

Il sistema nervoso autonomo è responsabile della regolazione del metabolismo, conoscerne la funzionalità è molto importante.

L’analisi della variabilità della frequenza cardiaca e degli indicatori dell’attività del sistema nervoso autonomo offre un ausilio di rilievo in una crescente varietà di applicazioni:

  • Monitoraggio della sindrome generale di adattamento e dei disturbi correlati allo stress
  • Diagnostica e monitoraggio dei disturbi infiammatori cronici e delle patologie autoimmuni
  • Analisi delle espressioni psicologiche e delle emozioni
  • Aumento della performance sportiva
  • Longevità e performance psicofisica

Dinamometro manuale

Il dinamometro è uno strumento manuale che serve a misurare la forza massima di contrazione esercitata dalla mano dominante.

Questo strumento serve ad eseguire il Test Hand Grip.

Il valore ottenuto nel test fornisce indicazioni quali:

  • Valutazione dello stato nutrizionale (Wang, 2005, Scalfi L., Montagnese C. 2010) anche nelle modifiche a breve termine (Pieterse S et al, Eur J Clin Nutr 2002)
  • Correlazione con forza esercitata da altri gruppi muscolari (Wind et al., 2010)
  • Valutazione dell’efficienza neuromuscolare, fitness (Espana – Romero et al., 2010)
  • Associazione a malattie cardiovascolari (Wu Yili et al., 2017)

Può essere utilizzato come:

  • Fattore prognostico e indicatore della forza muscolare generale
  • Valutazione della Muscle Quality Index MQI che compara la forza muscolare misurata con dinamometria versus quantità di massa muscolare rilevata con BIA, rivelando la funzionalità della massa muscolare
  • Valutazione di deficit motori
  • Rischio di mortalità nei pazienti affetti da patologie acute
  • Test di forza generale
  • Affaticamento
  • Valutazione ai fini dell’idoneità fisica sportiva
  • Valutazione ai fini dell’idoneità ai concorsi militari

Il calibro osseo

E’ uno strumento medico manuale che consente la misurazione dei diametri ossei.

Misurazioni

Le misurazioni vengono effettuate tramite degli esami specifici che portano risultati precisi e affidabili.

BIA

La Bioimpedenziometria è un esame di tipo bioelettrico, rapido e non invasivo, utile per conoscere la composizione corporea e per valutare lo stato nutrizionale.

Un aspetto prioritario, per chi vuole stare in salute, anche se normopeso, per chi vuole recuperare un sano peso forma o migliorare la performance sportiva è quello di conoscere la propria composizione corporea.

Il peso indicato dalla bilancia non fornisce informazioni sulla quantità di massa grassa e massa muscolare né indica dati sulla corretta idratazione, la bioimpedenziometria, invece, fornisce queste a altre informazioni.

La bioimpedenziometria permette di capire come cambia nel tempo la composizione corporea, in modo oggettivo.

Ad esempio durante un percorso nutrizionale consente una vera personalizzazione della nutrizione.

I campi di applicazione sono molteplici. E’ adatto a tutti.

Un calo ponderale non è sempre sinonimo di una diminuzione di grasso, soprattutto se si verifica in poco tempo, con un’alimentazione incontrollata, troppo restrittiva e non equilibrata, si rischia di perdere solo acqua e massa cellulare.

Le circonferenze corporee

Sono indicatori delle dimensioni trasversali dei segmenti corporei.

Riflettono la quantità di tessuto adiposo (sottocutaneo negli arti e viscerale a livello del tronco), ma sono influenzate anche dallo spessore dei segmenti scheletrici e dalla massa muscolare. Vengono rilevate con un semplice metro da sarta.

Da sole o in associazione possono essere utilizzate in apposite formule come:

  • Indicatori di crescita
  • Indicatori dello stato nutrizionale
  • Indicatori della distribuzione della massa grassa
  • Indicatori del biotipo morfologico o costituzionale
  • Indicatori delle aree muscolo-adipose degli arti

Il somatotitpo

I somatotipi rappresentano una classificazione biotipologica identificata attorno al 1940 dallo psicologo e medico statunitense William Herbert Sheldon, studiate e confermate da Carter e Heath nel 1990 e da Isak nel 2001.

I somatotipi sono 3: endomorfo, mesomorfo, ectomorfo.

E’ possibile definire l’appartenenza al somatotipo attraverso delle misurazioni antropometriche quali: pliche, diametri ossei e circonferenze. Le misurazioni ottenute sono utilizzate in equazioni predittive.

Conoscere il somatotipo consente di creare un orientamento nei confronti di aspetti: fisici, psicologici, caratteriali e di temperamento. Aspetti che si riflettono su: caratteristiche metaboliche, abitudini nutrizionali, attitudine sportiva.

PRENOTA SUBITO UN APPUNTAMENTO

Prenota subito un appuntamento per un massaggio adatto alle tue esigenze!